OMAGGIO A PASOLINI A GATTINARA (VC)

Omaggio a Pasolini a Gattinara, una delle tappe dell’evento itinerante ideato da Pasquale Di Matteo, che ha visto un forte interesse da parte del pubblico, in una città importante per l’arte e per il vino.

Si è svolto in un sabato di fuoco, a Gattinara, a pochi passi dal Sesia, il vernissage della tappa piemontese di Omaggio a Pasolini, evento itinerante di Pasquale Di Matteo che ha già toccato Roma, Bari e che, nei prossimi mesi, arriverà anche a Termoli, prima dell’atto conclusivo a Firenze, a ottobre.

Il 2 luglio, presso i magnifici spazi di Villa Paolotti, a Gattinara, un nutrito gruppo eterogeneo di persone ha sfidato il caldo infernale per assistere alla presentazione degli otto artisti in esposizione: Paola Bradamante; Giuseppe Del Prete; Martina Capocasa; Daniela Bussolino; Valeria Disabato; Nelly Fonte; Marcos Antonio Gutiérrez; Giuliana Ambrosecchia.

Copia di Copia di idratarti Poster 5 Pasquale Di Matteo OMAGGIO A PASOLINI A GATTINARA (VC)

L’evento, curato dal Prof. Saverio Genise e dal suo staff di Divin’Art, ha visto l’interessamento e la partecipazione del sindaco di Gattinara, Maria Vittoria Casazza, che si è intrattenuta per tutto il vernissage, ammirando le opere esposte e ponendo numerose domande al critico.

Di Matteo ha presentato tutti gli artisti in esposizione, come è sua peculiarità professionale, nelle due sale adibite alla mostra di Villa Paolotti, sede dell’Enoteca regionale del Piemonte e di un suggestivo ecomuseo, dedicato ai mestieri e alla civiltà contadina.

È partito dalle uniche due artiste presenti al vernissage, la piemontese Daniela Bussolino e la vicentina Valeria Disabato.

Di Daniela Bussolino ha sottolineato il suo approccio genuino all’arte, come alla vita. Le sue tele sono fatte di colori vivaci, di rossi profondi che si ripetono spesso nelle sue opere. Con quei rossi, l’artista stigmatizza la guerra, ma, con gli stessi rossi, estroflette il suo romanticismo sulle tele quando affronta tematiche differenti. Un romanticismo che vorrebbe più presente, non soltanto tra le persone comuni, ma anche tra chi ha poteri decisionali, per ricordare che siamo tutti esseri umani e che non esistono verità assolute, ma punti di vista da cui cogliere sfumature diverse.

Valeria Disabato ha presentato due opere concettuali che hanno suscitato particolari favori, sia da parte del sindaco, che ha voluto fotografarsi proprio davanti a quelle opere, sia di numerosi appassionati intervenuti.Si tratta di due opere che hanno in comune la rete, con le sue prepotenti metafore. La rete è una barriera, una prigione, un confine, ma anche una distesa fatta di onde e di varie possibili vie di fuga. Valeria Disabato affronta il tema del coraggio di scegliere una di quelle vie per esorcizzare l’attualità, dove prevalgono le mode e l’appiattimento alle masse.

Martina Capocasa ha presentato opere informali viscerali e potentissime. Soprattutto un’opera ha catturato l’attenzione del pubblico. Un’opera in cui un intenso punto rosso ha calamitato su di sé interessi e commenti. Martina Capocasa è riuscita a trasmettere angosce, tribolazioni e tormenti che ha provato durante il parto di quell’opera. Un’artista che è la sintesi perfetta tra i valori familiari che esprime con i colori della terra e la voglia di raccontarsi e di aprirsi al cambiamento con fiducia.

Giuliana Ambrosecchia ha presentato una maschera che è metafora della condizione sociale di oggi. Molte persone indossano maschere per mentire su ciò che sono realmente. Indossano ruoli senza avere le competenze necessarie per farlo.

Inoltre, la maschera che si sgretola è l’identità che sfuma per lasciare spazio a mode e appiattimento al pensiero comune, alle masse.

Un’opera di denuncia in cui coesistono concetti profondi, filosofici, e il coraggio tipico dei grandi.

Il Prof. Giuseppe Del Prete ha presentato tre opere: una più grande in cui ha focalizzato l’attenzione sul pensiero e la filosofia, e due più piccole, con cui ha acceso i riflettori sulle icone.

Al di là dei numerosi agganci a Pasolini, dal cinema alla filosofia, da Napoli, alla vicinanza con la società di borgata, Del Prete enfatizza il pensiero e la ricerca di vere guide di vita, contro le mode attuali degli eroi privi di competenze e dotati solo di immagine.

Nelly Fonte è artista realista, ma anche filosofa. La sua arte è espressione poetica di una donna ancorata al suo tempo, capace di filosofare in merito alle dinamiche sociali.

Nelly Fonte invita a non fidarsi delle apparenze, per non restare scottati. Al tempo stesso, le sue opere parlano di misticismo e magia. Una magia cromatica resa prepotenze dall’acuto ricorso al surrealismo, con cui riesce a rendere esaustivi e di facile trasmissione i suoi messaggi.

Paola Bradamante ha presentato due foto che hanno acceso un dibattito lungo e argomentato da molti.

Paola Bradamante a Omaggio a Pasolini

Di Matteo ha spiegato l’importanza della luce nelle due opere, sottolineando come l’artista sia riuscita a rendere semplice i concetti di comprensione e completezza. La luce è l’elemento che ci permette di conoscere il mondo, di viverlo e modificarlo. Eppure, non tutti siamo in grado di capire questa circostanza, né sappiamo accendere la luce e il dubbio cartesiano.

Marcos Antonio Gutiérrez si è guadagnato gli apprezzamenti del pubblico e degli organizzatori, sia per la costruzione meramente tecnica dell’opera, sia per il messaggio poetico veicolato, di ordine e caos.

Gutiérrez ricostruisce gli elementi del cosmo cercando di mettere in ordine ciò che gli appare disordinato.

In entrambe le opere, prevalgono luce e tonalità di bianco, a testimoniare la speranza di cambiamento, ma anche di positività e ottimismo.

Di Matteo ha concluso il suo intervento ringraziando il pubblico numeroso, nonostante la giornata splendida e il caldo soffocante, nonché l’ospitabilità e la cura profusa dal Prof. Saverio Genise e da suoi collaboratori, in primis il Prof. Massimiliano Fabris.

Questa tappa di Omaggio a Pasolini, sarà visitabile fino al 16 luglio 2022.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
Share This

Share This

Share this post with your friends!