“acqua e sale”, libro di enzo leomporro, cantautore degli audio2

Ho avuto il privilegio di intervistare Enzo Leomporro, membro degli Audio2, e autore del libro “Acqua e Sale”, biografia che trascende il mero racconto di una vita non comune, perché è pura emozione.

di Pasquale Di Matteo

Se dovessi utilizzare un solo termine per definire la fatica letteraria di Enzo Leomporro, membro degli Audio2, quel termine sarebbe coraggio.

Acqua e Sale è un libro che scivola via in fretta, che si sorseggia come un buon caffè napoletano, ma capace di lasciarti appiccicato addosso un po’ del coraggio di un uomo che ha attraversato mari in tempesta.

Un libro che è la biografia di Enzo Leomporro, pluripremiato cantautore degli Audio2, i cui brani sono stati portati al successo persino da mostri sacri della musica come Mina e Celentano. Tuttavia, non è il semplice resoconto del cammino sulla Terra di un artista affermato, bensì un turbinio di emozioni e sentimenti che si susseguono sin dalle prime pagine, quando intuisci che hai tra le mani qualcosa che ti mancherà appena lo avrai terminato.

Un libro fatto di incontri, di figure fondamentali per la crescita e la maturazione dell’uomo Enzo e dell’artista, figure che sono parenti e conoscenti che l’autore riesce a farti immaginare come se ti catapultasse in quelle case piccole e affollate, tra i vicoli di una Napoli di anni fa, fino a fartele diventare simpatiche e amichevoli. Fino a farti provare affetto per loro e tristezza per le vicissitudini che li vedono protagonisti: figure dapprima intime, come il padre, la madre e gli zii, poi gli amici, infine Mina, Massimiliano Pani e i propri figli, Mario e Anna Clara, la figlia prematuramente scomparsa a cui è dedicata Neve, primo singolo di successo degli Audio2, interpretato da Mina.

Per ascoltare Neve, clicca sul seguente link: Neve interpretata da Mina.

Un libro che dovrebbe essere letto da chiunque, soprattutto da chi sta attraversando momenti di difficoltà e/o che vorrebbe realizzare un sogno che sembra impossibile.

Perché se ti senti piccolo e inadeguato, le pagine scritte da Leomporro sono come la mano sulla spalla di un amico, l’esempio da seguire, il sorriso di un padre che ti incita ad andare avanti quando, invece, vorresti mollare tutto.

La vita di Enzo Leomporro è stata funestata fin dalla tenera età da lutti devastanti: prima la perdita del padre, poi della madre. Privazioni e sofferenze affettive vissute durante i difficili anni da bambino, quando si dovrebbe conoscere soltanto gioia e amore. Tribolazioni continuate anche durante il successo discografico, con le difficoltà della figlia, resa disabile dagli effetti collaterali di un vaccino, e strappata alla vita a soli ventun anni.

Una storia funestata da momenti tragici che avrebbe piegato molti, ma non Enzo, che alla disperazione, alle cattive compagnie e alla frustrazione ha sempre anteposto l’amore per il fratello Pasquale, per la moglie, la famiglia, trovando nei testi delle sue canzoni la valvola di sfogo e uno scopo per continuare a vivere.

Un racconto in cui si alternano momenti di forte commozione ad altri esilaranti, come l’episodio alla frontiera svizzera, che sembra la messa in scena di una sequenza del famoso film Non ci Resta che Piangere, con Benigni e Troisi.

Acqua e Sale è il racconto di un grande uomo, perché quando si ha il coraggio di mettersi a nudo in maniera così profonda, non risparmiando i sentimenti più intimi, significa che dentro si è immensi.

E che Enzo Leomporro sia un grande uomo lo capisci fin dalla stretta di mano: vigorosa ma non studiata, presente, di chi non si risparmia. Di chi non ti guarda dall’alto, ma alla stessa altezza, per farti sentire tra amici.

L’ho incontrato alla Sallustiana Art Today, a Roma, dove ho avuto il privilegio di poterlo intervistare in merito al libro.

Al di là dell’affabilità tipica degli uomini del Sud, Leomporro è ancorato al terreno come la persona più comune al mondo. In un’era in cui molti si sentono delle star dopo qualche decina di like sotto a una foto postata su Instagram, scalda il cuore scoprire l’esistenza di chi ha raggiunto i traguardi degli Audio2, restando persone normali.

Come ha puntualizzato Tony Esposito, il grande percussionista che ha omaggiato l’amico Leomporro con la sua presenza alla presentazione di Acqua e Sale, in Sallustiana Art Today a Roma, «…gli artisti veri restano umili. Chi si crede chissà chi vola alto perché vale poco.»

Ho chiesto a Leomporro cosa abbia fatto scattare il desiderio di mettersi a nudo in un libro e, con estrema umiltà, mi ha risposto che ha la speranza che la sua vita funestata da circostanze tragiche possa aiutare tante persone che vivono situazioni difficili, trovando in sé il coraggio per andare avanti anche nelle avversità che spesso la vita pone sul nostro cammino.

Come più volte ribadisce tra le pagine del libro, Leomporro ritiene che solo chi ha vite travagliate sia in grado di scrivere testi di spessore, capaci di emozionare.

In effetti, chi ha la strada spianata, e non è mai messo con le spalle al muro, non può addentrarsi nei meandri della disperazione, nei luoghi più profondi di sé, dove si soffre al riparo da tutto e tutti, ma anche dove si impara la grammatica dell’anima.

Lo stesso concetto di Acqua e Sale è per Leomporro una metafora della vita: l’acqua rappresenta la luce, il lato divertente del vivere, mentre il sale è ciò che brucia, che fa male, che provoca dolore. E una vita normale è caratterizzata dall’equilibrio di questa miscela.

«Una vita fatta solo di acqua sarebbe piatta, un po’ di sale serve a farti tirare fuori il meglio in certe situazioni» dice l’autore del libro.

Ed Enzo Leomporro ha trasformato il meglio di sé in testi e melodie in grado di solleticare le corde dell’anima.

In Acqua e Sale c’è anche tanto di Napoli, una città troppe volte citata in Tv solo per episodi negativi, come se quei pochi gruppi di delinquenti, che tuttavia si trovano in tante altre metropoli, potessero rappresentare l’intera popolazione di circa due milioni di individui per lo più perbene. Nel libro, invece, Leomporro ricorda le cose positive di quella che io ritengo essere la capitale della musica italiana.

La canzone italiana, infatti, è nata proprio dalle melodie partenopee e la città ha generato musicisti e artisti straordinari di generi differenti: Massimo Ranieri, Avion Travel, Tullio De Piscopo, Edoardo Bennato, Enzo Avitabile, Pino Daniele, Nino D’Angelo, Enzo Gragnaniello, Enrico Caruso, Robert Murolo e tantissimi altri, tra cui gli Audio2.

La napoletanità te la porti addosso per sempre, come l’oggetto scaramantico che ti fa sentire al sicuro.

Così è stato anche per gli Audio2, che hanno sempre cantato in lingua italiana, ma senza mai dimenticare emozioni che solo chi ha respirato i profumi dei vicoli di Napoli può capire, città dove l’amico di un parente diventa immediatamente amico tuo, dove il caffè è un rito, la pizza un’icona e la musica ce l’hai tatuata nel DNA.

Come ultima domanda, ho chiesto all’autore di ricordare un incontro importante e lui ha parlato di Mina.

«Se Mina non ci avesse voluto come suoi autori, non avremmo mai fatto la carriera che abbiamo fatto.»

Ma gli incontri non sono casuali. Ne sono convinto. Le persone arrivano al momento giusto. E gli incontri con persone speciali sono per chi è speciale.

Umberto Eco definiva la lettura un privilegio, poiché consente di vivere molte più vite attraverso i libri.

Io aggiungo che ci sono vite più intense e altre più superficiali. Acqua e Sale è un libro che consiglio, perché in circa duecento pagine si condensa una quantità enorme di emozioni che sono vitamine per l’anima.

Un libro che ti fa sentire migliore, pagina dopo pagina, perché è capace di dare un senso diverso alle difficoltà, alle vicissitudini e alla vita stessa.

Perché, alla fine del libro, hai scoperto un amico in più.

Acqua e Sale è edito da Ianieri Edizioni ed è disponibile in tutte le librerie, tradizionali e online.

Puoi acquistarlo anche su Amazon, cliccando al seguente link: “Acqua e Sale”.

Chi è Pasquale Di Matteo? Scoprilo cliccando su: https://pasqualedimatteo.eu/landing-page/

Screenshot 515 1 Pasquale Di Matteo "acqua e sale", libro di enzo leomporro, cantautore degli audio2

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
Share This

Share This

Share this post with your friends!